Collaboratori Sportivi e ripartenza: una ricerca di Sport e Salute

La voglia di ripartire e le difficoltà.

Tra luci e ombre, nella ricerca condotta da Sport e Salute sui Collaboratori Sportivi che hanno ricevuto l’indennità di 600 euro, si registrano segnali di ottimismo. Il 53 per cento degli intervistati dichiara che la sua società ha riaperto. E due collaboratori su tre dichiarano di aver ripreso l’attività a tempo pieno o parzialmente.

Dando seguito all’atto di indirizzo del Ministro per le Politiche Giovanili e lo Sport del 22 aprile 2020, nonché al fine di conoscere in maniera più approfondita un importante segmento del sistema sportivo italiano, Sport e Salute, la società presieduta da Vito Cozzoli, braccio operativo dello Stato per il mondo sportivo, ha proceduto a realizzare un’indagine quali-quantitativa con l’obiettivo di conoscere le conseguenze dell’emergenza sanitaria sull’attività dei Collaboratori Sportivi.

Attraverso l’indagine, che è stata interamente svolta dagli uffici di Sport e Salute e coordinata dall’ Area Strategie, Affari Legislativi e Relazioni con gli Stakeholders, abbiamo dialogato con i Collaboratori Sportivi richiedenti l’indennità, che hanno non solo rappresentato la situazione in merito alla ripresa dell’attività ma soprattutto illustrato le proprie esigenze e aspettative in ordine alla propria condizione lavorativa.

….continua a leggere!

Qui il report completo

0 Comments

Leave a Comment

Your email address will not be published.

WhatsApp chat